Postato in data 10 aprile 2020 Da In Al servizio del cittadino

VITTORIA – PASSAGGIO DI CANTIERE ALLA NUOVA IMPRESA NU

Chiesto un incontro per assicurare i livelli occupazionali.  La Prefettura si faccia garante

 

In una nota inviata alla  TEK.R.A. S.R.L. alla  TECH SERVIZI SRL, ai commissari della Città i Vittoria e per conoscenza al prefetto di Ragusa, le segreterie territoriali di FP CGIL FIT CISL UILTRASPORTI (S. Tavolino A. Giannone e S. Balsamo) chiedono un incontro per perfezionare il passaggio di cantiere (servizi ecologici NU) ex art. 6 CCNL FISE- Vittoria.

La richiesta dell’incontro trova le sue motivazioni sul fatto che ancora una volta si registra, si legge nella nota, l’assenza dei soggetti istituzionali (commissari straordinari), scarsa comunicazione, in aggiunta ad un incomprensibile pressing, che ha indotto le scriventi OO.SS. alla determinazione di rinviare ad altra “sede virtuale”, il confronto sulle tematiche riguardanti il perfezionamento del passaggio di cantiere ex art. 6 CCNL FISE –Vittoria.

Nella nota a firma dei responsabili delle segreterie territoriali si legge tra l’altro:

 

“Purtroppo tale confronto sostenuto dalle OO.SS. e riscontrato dalla TEKRA, non ha dato i risultati sperati, sebbene svoltosi, a parte le difficoltà di collegamento via Skype, in un clima costruttivo, ma che purtroppo, non ha lasciato margini di convergenza, in quanto la ditta rappresentava l’esigenza di procedere nell’immediato all’assunzione del personale operando delle esclusioni, evidenziando circostanze non precedentemente comunicate, ne riscontrate dalle OO.SS. partecipanti al confronto.

Non intendiamo minimamente entrare nel merito delle preannunciate esclusioni, in quanto non informati sui dettagli, ma riteniamo che il confronto non abbia beneficiato del necessario apporto, che avrebbe piuttosto potuto garantire la presenza dell’Ente committente unitamente alla Prefettura, ciò finalizzato a garantire adeguata informazione alla parte sindacale, quanto mai opportuna, nel caso risultasse necessario assumere decisioni che implicherebbero responsabilità sul mantenimento di posti di lavoro.

Riteniamo utile formulare una richiesta di confronto con la Ditta subentrante unitamente ai rappresentanti dell’Ente, ritenendo imprescindibile la composizione del tavolo che preveda la presenza della Prefettura, a garanzia della corretta e puntuale conoscenza delle possibili limitazioni al reclutamento del Personale.

Ci rendiamo perfettamente conto delle difficoltà del contesto emergenziale e delle difficili valutazioni a cui, come parte sindacale siamo chiamate ad operare.

Proprio per queste ragioni riteniamo che debbono scaturire dal tavolo scelte legittime e ponderate, atteso che nei precedenti cambi di appalto nel cantiere di Vittoria, le scriventi OO.SS. sono state lungamente impegnate, in complesse trattative prima di addivenire ad un definitivo accordo, ciò anche ad evitare possibili esclusioni, che in precedenti casi, sono state oggetto di postume attività di reintegro da parte del Giudice del lavoro.

Siamo convinti, conclude la nota, dell’adesione alla nostra istanza motivata, ma se ciò non dovesse essere possibile, non saremo contrari ad una eventuale sospensione tecnica del cambio di appalto, ciò finalizzata ad una piena rappresentazione delle attività di tutela a cui le scriventi sono demandate, nello svolgimento del proprio ruolo.”

  

La Redazione

Etichette: ,

Relativo a