Scuola <- Categoria

Intervista di Interris.it al professor Roberto Cauda, ordinario di Malattie infettive all’Università Cattolica del Sacro Cuore e direttore dell’Unità operativa del Policlinico Gemelli di Roma A pochi giorno dalla riapertura delle scuole, Interris.it ha raccolto la testimonianza di uno dei più autorevoli virologi europei. In prima linea in corsia al Policlinico Gemelli di Roma e nel suo studio all’Università Cattolica del Sacro Cuore, il professor Roberto Cauda combatte la guerra “glocal” al Covid. Pratica medica e teoria scientifica, come nella miglior tradizione della sperimentazione clinica sul campo. A lui si rivolgono autorità sanitarie nazionali (come quelleLeggi tutto
La formazione professionale arranca in Sicilia. I corsi rischiano di non partire perché mancano gli iscritti. “Si sblocca finalmente, dopo oltre tre anni, la graduatoria relativa all’Avviso 8 della Formazione professionale. Un bando che mette in campo 136 milioni di euro, finanziando 176 enti siciliani, con il coinvolgimento di migliaia di lavoratori. E’ stato un lungo ed estenuante contenzioso, dopo il primo ricorso amministrativo che risale al 2017, a seguito di molti errori presenti nel bando predisposto dal precedente governo nel 2016. Era un impegno che avevamo preso e lo stiamo mantenendo” aveva annunciatoLeggi tutto
Il timore che la crescita dei contagi possa compromettere la riapertura delle scuole, le polemiche sul ritardo nella consegna dei banchi monoposto e sulla predisposizione, da parte di alcuni enti locali, di spazi in cui tenere lezione, le critiche dei sindacati al ministro Azzolina, da lei rispedite al mittente, e le difficoltà nel predisporre il servizio di trasporto per portare i ragazzi a scuola mantenendo la distanza di almeno 1 metro, hanno convinto il premier Giuseppe Conte a convocare un incontro con la ministra dell’Istruzione e i ministri competenti sullaLeggi tutto

Postato in data giugno 6, 2020Da RedazioneIn Scuola

COME SARA’ LA NUOVA SCUOLA?

Giudizi alle elementari al posto dei voti, poteri commissariali ai sindaci per velocizzare i lavori di edilizia scolastica, esami di Stato e valutazione finale degli alunni, e un concorso per la stabilizzazione di 32 mila docenti precari senza quiz con crocette ma con quesiti a risposta aperta   Giudizi alle elementari al posto dei voti, poteri commissariali ai sindaci per velocizzare i lavori di edilizia scolastica, esami di Stato e valutazione finale degli alunni, e soprattutto concorso per la stabilizzazione di 32 mila docenti precari senza quiz con crocette ma con quesitiLeggi tutto
La ministra all’Istruzione Lucia Azzolina ha presentato in conferenza stampa le tre ordinanze attese dal mondo della scuola, già circolate in bozza, discusse coi sindacati e passate al vaglio del Consiglio superiore della pubblica istruzione che ha espresso pareri correttivi. Riguardano la Maturità, l’esame di terza media e la valutazione. Azzolina incontrerà la prossima settimana i sindacati per definire il documento sulla sicurezza per l’esame di Stato.   La Maturità Come sarà il colloquio? Rimane l’elaborato, su discipline di indirizzo. Poi la discussione sul testo di italiano e sui materiali consegnati dalla commissioneLeggi tutto
ADI –ASSOCIAZIONE DOCENTI E DIRIGENTI SCOLASTICI ITALIANI PROPONE CAMBIAMENTI CHE RIGUARDANO: gli spazi i trasporti tempo scuola e calendario per fascia 0-11 tempo scuola e calendario per fascia 11-19 i curricoli   SICUREZZA E PRIORITA’ Il 4 maggio comincia la fase 2 con la riapertura di tutte le aziende del manifatturiero, delle costruzioni e di una parte significativa dei servizi. La scuola è esclusa da questa fase e, come ha detto il Presidente Conte, riaprirà a settembre, ma sarebbe davvero colpevole non affrontare da subito gli interventi necessari per unaLeggi tutto

Postato in data aprile 22, 2020Da RedazioneIn Scuola

AZZOLINA NON SI ARRENDE ALL’ESAME DI MATURITA’ ONLINE

Il ministro dell’Istruzione ha espresso l’auspicio che “la prova orale si possa svolgere di persona davanti alla commissione, ovviamente in condizioni di sicurezza”. La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, non esclude che gli studenti possano dare l’esame orale della maturità si persona davanti alla commissione e non attraverso uno schermo. “Auspico davvero che ci sia la possibilità, come anche tanti ragazzi ci stanno chiedendo, di svolgere almeno l’orale dell’esame di maturità in presenza. Ovviamente nelle giuste condizioni di sicurezza per la salute di tutti”, ha spiegato nel question time alla Camera, rispondendo a un’interrogazioneLeggi tutto
Il Ministero dell’Istruzione sarà chiamato a pubblicare, entro questo mese di aprile, secondo quanto indicato dal Decreto Milleproroghe, i bandi relativi ai due concorsi per la scuola dell’infanzia e della primaria. Lunedì prossimo, 20 aprile, è previsto un nuovo incontro con i sindacati per la consultazione dei bandi, prima della loro pubblicazione. Concorsi scuola infanzia e primaria, saranno 12863 i posti banditi Il Decreto pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 18 luglio 2019 aveva previsto 16959 posti ma, per effetto dei commi 18 e 18 quater del decreto legge 29 ottobre 2019 n. 126 convertito con modificazioni in LeggeLeggi tutto
Per la ministra Azzolina ci sono ancora troppi rischi per pensare a un ritorno tra i banchi: “Non siamo la Germania”. E parlando della maturità aggiunge che sarebbe auspicabile un esame con presenza: “Vedremo se si potrà”   Si può immaginare di anticipare a maggio la riapertura delle scuole? In un’intervista al Corriere della Sera la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina risponde che “il governo a giorni prenderà una decisione” ma che con l’attuale situazione sanitaria “ogni giorno che passa allontana la possibilità di riaprire a maggio” perché ciò “significherebbe far muovere ogni giornoLeggi tutto
“Se non ci sarà più il rischio di epidemia, se i malati saranno tutti guariti e non avremo più focolai, cosa che credo accadrà, a settembre si può tornare a scuola. Se però, per qualsiasi ragione, non ci saranno queste condizioni, non è possibile rientrare. Il rientro graduale alla scuola non è applicabile: la scuola non è un’azienda”. Il presidente dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP) Antonello Giannelli, intervistato dall’agenzia Askanews, non contempla “fasi intermedie” sul rientro a scuola: le classi riaprono solo se e quando l’epidemia da coronavirus in Italia saràLeggi tutto