Spettacoli <- Categoria

Mentre il presente è già passato, e il futuro è già il presente, il mondo resta costantemente ingabbiato in una molteplicità di interessi che esulano dalle vere necessità dell’uomo. Come recitava il testo di una vecchia canzone degli anni sessanta, “Il potere e il denaro sono trappole mortali che per tanto e tanto tempo han funzionato”, oggi più che mai questi continuano a incidere pesantemente nella vita dell’essere umano, condizionandone l’esistenza e quindi le proprie scelte. Il materialismo più sfrenato si è impossessato dell’animo umano con i suoi valori, sostituendoLeggi tutto

Postato in data agosto 28, 2019Da RedazioneIn Spettacoli

RICORDARE MARTIN LUTHER KING PER RICOMINCIARE A SOGNARE

Uno dei discorsi più iconici della storia americana, ma oltre mezzo secolo dopo il sogno non si è ancora realizzato del tutto   In un mondo che sembra aver perso la capacità, innocente e rivoluzionaria, di sognare, sarebbe auspicabile che il ricorrere del cinquantaseiesimo anniversario del famoso “I have a dream”recitato dal pastore protestante e attivista per i diritti civili Martin Luther King induca qualcuno di noi alla riflessione. Immaginare un nuovo futuro, non più stretto dalle maglie della crisi economica e dall’obiettivo del successo ad ogni costo, perché tanteLeggi tutto
Non solo poesia per il 118mo anniversario della nascita del Nobel Salvatore Quasimodo. Presso il Museo Casa natale di via Posterla l’ospite di eccezione è stato il figlio del Nobel, Alessandro, che nel corso dei quattro giorni di permanenza in città ha incontrato turisti, visitatori, ha recitato poesie del padre e della madre Maria Cumani, ha raccontato aneddoti anche inediti della vita familiare, tra cui l’esilarante vicenda dell’esonero dalla leva che grazie al poeta e per tramite dell’allora Ministro della Difesa, Giulio Andreotti, il giovane Alessandro ottenne con qualche escamotage.Leggi tutto

Postato in data agosto 19, 2019Da RedazioneIn Spettacoli

FIOCCHINO E PIUMINO di Paola Stella

C’era una volta una bellissima valle attraversata da un corso d’acqua, che correva allegro e felice, a tratti impetuoso, e che seguiva un tracciato impervio e irregolare, producendo deliziose cascatelle. Vicino alle rive c’erano due filari di pioppo tremolo. Magnifici alberi, alti ed eleganti, con quelle graziose foglioline verde chiaro, sempre pronte ad ondeggiare al minimo alito di vento, e a creare giochi di luce incantevoli. Quell’anno la primavera giunse in anticipo, c’era stata già la fioritura, e i frutti erano pronti a spargere i loro semi piumosi. All’improvviso l’invernoLeggi tutto

Postato in data agosto 16, 2019Da RedazioneIn Spettacoli

LILLI, LA VIOLACIOCCA MAGICA di Paola Stella

  C’era una volta un delizioso paesino di montagna, che in primavera e in estate profumava di violaciocca e si tingeva di rosa, di viola, di rosso e di bianco. Quasi ogni famiglia ne possedeva una. Ogni angolo, ogni balconcino, ogni cortiletto era abbellito da questa pianta, e in quei mesi della fioritura il paesino sembrava vestito a festa. A Pietro, un bambino che viveva nel paesino, ne piaceva soprattutto una, quella violetta, che sua nonna teneva in giardino, dove spesso andava a giocare. Si era affezionato, chissà perché, aLeggi tutto

Postato in data agosto 12, 2019Da RedazioneIn Spettacoli

VITO E GINETTA di Paola Stella

Paola Stella nata a Monterosso Almo è laureata in Scienze Biologiche, ma ha sempre avuto la passione della scrittura trasmettendo nelle sue fiabe la sostanza della vita. E’ innamorata soprattutto della narrativa dei grandi scrittori dell’800, russi, tedeschi, francesi e italiani. Nel periodo di docenza nelle scuole medie ha rivestito il ruolo di tutor di laboratori teatrali per i ragazzi, per i quali doveva inventare storie e supportare gli esperti nell’allestimento di piccoli spettacoli. Vito era un omaccione alto e robusto. Con la sua voce poderosa metteva soggezione, almeno aLeggi tutto

Postato in data agosto 8, 2019Da RedazioneIn Spettacoli

L’APPARTAMENTO DI VIA L. DA VINCI di Paola Stella

Paola Stella nata a Monterosso Almo è laureata in Scienze Biologiche, ma ha sempre avuto la passione della scrittura trasmettendo nelle sue fiabe la sostanza della vita. E’ innamorata soprattutto della narrativa dei grandi scrittori dell’800, russi, tedeschi, francesi e italiani. Nel periodo di docenza nelle scuole medie ha rivestito il ruolo di tutor di laboratori teatrali per i ragazzi, per i quali doveva inventare storie e supportare gli esperti nell’allestimento di piccoli spettacoli. In quel quartiere, d’estate, regnava il silenzio. Tutti andavano via, chi al mare, chi in viaggio.Leggi tutto

Postato in data agosto 5, 2019Da RedazioneIn Spettacoli

LE VICENDE DI DOMENICO di Paola Stella

Paola Stella nata a Monterosso Almo è laureata in Scienze Biologiche, ma ha sempre avuto la passione della scrittura trasmettendo nelle sue fiabe la sostanza della vita. E’ innamorata soprattutto della narrativa dei grandi scrittori dell’800, russi, tedeschi, francesi e italiani. Nel periodo di docenza nelle scuole medie ha rivestito il ruolo di tutor di laboratori teatrali per i ragazzi, per i quali doveva inventare storie e supportare gli esperti nell’allestimento di piccoli spettacoli. Il racconto. Domenico era il primo di quattro fratelli. Suo padre possedeva un bellissimo negozio diLeggi tutto

Postato in data agosto 1, 2019Da RedazioneIn Spettacoli

LE QUATTRO AMICHE di Paola Stella

Giulia, Olga, Emma e Marta erano quattro amiche di una certa età, ritenute abbastanza in là con gli anni da alcuni, e ancora giovani e affascinanti da altri. Anche l’età è una cosa relativa… dipende dai punti di vista… Erano tutte e quattro diverse non solo nell’aspetto: Giulia bionda, Olga bruna, Emma castana e Marta dai capelli color miele; ma anche nella personalità: una schiva e riservata, una chic ed esuberante, un’altra schietta e diretta, e infine l’ultima, mite e riflessiva. Tuttavia, avevano qualcosa che le accomunava, per esempio laLeggi tutto

Postato in data luglio 29, 2019Da RedazioneIn Spettacoli

IN VIAGGIO CON SOFIA di Paola Stella

  A lei piacevano le stazioni, gli aeroporti… insomma, tutti i luoghi dove poteva starsene comodamente seduta a osservare la moltitudine umana, o almeno quella concessa dal destino in un dato giorno e in un dato luogo. Si sentiva attratta da tutte quelle vite, che lei immortalava nella mente come scatti fotografici, e da cui traeva spunto per creare storie. Un giorno, mentre attendevo il mio volo, fra tutti i passeggeri ne notai uno molto interessante. Aveva un’età indefinita, anche gli uomini camuffano la loro età colorandosi i capelli bianchiLeggi tutto