Postato in data 30 novembre 2021 Da In Scuola

IN QUARANTENA E RITORNO ALLA DAD ANCHE CON UN SOLO POSITIVO IN CLASSE

Con una circolare congiunta il ministero della Salute e il ministero dell’Istruzione sospendono provvisoriamente il programma di “sorveglianza con testing” che era stato approvato appena un mese fa.

La quarantena scatterà quindi “per tutti i soggetti contatto stretto di una classe/gruppo dove si è verificato anche un singolo caso tra gli studenti e/o personale scolastico”. La decisione è stata presa ieri sera, in ragione dell’aumento “rapido e generalizzato del numero di nuovi casi di infezione da SARS-CoV-2, anche in età scolare, con una incidenza(casi/popolazione) settimanale ancora in crescita e pari a 125 per 100.000 abitanti (19/11/2021 – 25/11/2021): valore ben lontano dal quello ottimale di 50 per 100.000, utile per un corretto tracciamento dei casi”, spiegano i ministeri nella nota.

Nel caso in cui le autorità sanitarie siano impossibilitate ad intervenire tempestivamente, “il dirigente scolastico venuto a conoscenza di un caso confermato nella propria scuola è da considerarsi autorizzato, in via eccezionale ed urgente, a disporre la didattica a distanza nell’immediatezza per l’intero gruppo classe ferme restando le valutazioni della ASL in ordine all’individuazione dei soggetti (da considerare “contatti stretti” a seguito di indagine epidemiologica) da sottoporre formalmente alla misura della quarantena”. Resta valida l’opportunità per i Dipartimenti di Prevenzione di scegliere la strategia di controllo per la tutela della salute pubblica per ogni singola indagine di focolaio epidemico in ambito scolastico.

DI REDAZIONE

Relativo a