m_di_ragusa

Postato in data 21 marzo 2016 Da In Città, News, Turismo

2015 ANNO DA DIMENTICARE PER MARINA DI RAGUSA

L’anno scorso è stato certamente un anno da dimenticare per Marina di Ragusa! D’accordo, questo è stato anche il tormentone di molte amministrazioni passate, ma la sufficienza con la quale è stata trattata Marina di Ragusa nel 2015 (credete a uno che ci vive) non ha precedenti!

L’amministrazione Piccitto, si è infatti dimostrata “totalmente” incapace di amministrare con dignità e decoro la nostra frazione marinara che, grazie al porto, l’aeroporto e Montalbano, attira ormai turisti e visitatori anche in periodi dell’anno solitamente poco animati. Eppure, l’impegno non è gravoso! Basterebbe gestire l’ordinario con un po’ d’anticipo, invece di comportarsi come se, nei mesi freddi, Marina appartenesse ad altri!

Ma cosa è successo esattamente nel 2015? Cominciamo col raccontare che durante l’inverno passato come al solito nessuno si è fatto vivo per avviare qualche piccolo ritocco preparatorio. L’estate poi come al solito è cominciata con molto ritardo, senza organizzazione e senza pianificazione, all’inseguimento di emergenze per tamponare anche le falle di un carnet di spettacoli estivi come al solito senza anima e senza identità. Ma la vera novità della stagione estiva è stata la fatiscente pista ciclabile, frutto dell’ostinazione del Sindaco Piccitto e dell’assessore Corallo.

Come al solito (senza togliere nulla all’idea) si è voluto dare spazio all’improvvisazione. E così, nel giro di 24 ore il lungomare di Marina di Ragusa quello che per intenderci porta dall’ex Scalo trapanese a Punta di Mola è stato trasformato in una pista ciclabile, senza alcuna sperimentazione e con pochissimi requisiti di sicurezza. Grande infatti, è stato lo sconforto dei fruitori, che hanno spesso vissuto incontri ravvicinati con autovetture in transito.

Nessuno si è fatto male, per fortuna, ma la fretta ha creato non pochi problemi alla viabilità della zona e molte lamentele tra residenti e turisti. Ed a propositi di turisti, come si può non rimarcare l’inopinata scelta dell’accoppiata Sindaco Assessore S. Martorana, di chiudere l’INFOPOINT della delegazione municipale, creando non pochi problemi ai molti visitatori giunti a stagione conclusa.

E tocca agli impianti sportivi! Sullo stadietto di Via delle Sirene come al solito stendiamo un velo pietoso! Ma come non si può non lamentarsi dell’incompiuta di contrada Gaddimeli? Cosa non dire di un campo di calcio, per la cui mancata ristrutturazione si è impedito alla squadra locale di festeggiare con i propri tifosi lo storico salto di categoria?

a_laportaE dulcis in fundo, parliamo dei disservizi quotidiani, quelli che come al solito non mancano nella stagione estiva: due davanti tutti. L’atavica mancanza di una programmazione del traffico e il pessimo spettacolo offerto da zone e spiagge della città, sporche e mal curate, che l’importato Assessore Zanotto (come se a Ragusa mancassero teste pensanti) non ha saputo assolutamente programmare per la pulizia ed il riordino. Potrei continuare, elencando, come al solito, problemi su problemi, altro che valorizzazione degli aspetti turistici e culturali!

E allora, caro Sindaco, cari signori della giunta, siamo a febbraio, in tempo per programmare i primi interventi. Scendete a Marina, girate per le strade, chiedete ai residenti, ascoltate i loro i loro suggerimenti. Non serve?! Siete già eruditi?

E allora, speriamo che la fortuna come al solito ci assista e che quest’anno possa essere migliore di quello passato ma io, come al solito non ci credo!

Angelo La Porta (Consigliere comunale)

Etichette:

Relativo a