Postato in data 8 gennaio 2020 Da In Al servizio del cittadino

ZONA ECONOMICA SPECIALE A VITTORIA QUALCOSA SI E’ INCEPPATA. LA CNA COMUNALE CHIEDE LUMI

“Pare che ogni cosa che riguarda la città di Vittoria sia sempre carica di intoppi, inciampi o incagli. Prima di Natale la nostra organizzazione aveva manifestato soddisfazione per la deliberazione della Giunta regionale che riconosceva alcune aree di Vittoria come Zona economica speciale.

Naturalmente non eravamo i soli a palesare questo compiacimento: anche i commissari straordinari e una parte della deputazione regionale, l’on. Nello Dipasquale, erano contenti per il risultato raggiunto. A pochi giorni di distanza apprendiamo che presso i ministeri competenti forse ci sono problemi per la Zes di Vittoria”. A denunciarlo il presidente della Cna comunale di Vittoria, Rocco Candiano, con il responsabile organizzativo, Giorgio Stracquadanio.

“A Palermo sì e a Roma no? La mano destra non sa cosa fa la mano sinistra? – proseguono gli esponenti dell’organizzazione di categoria – Vorremmo capire cosa sta succedendo, se esistono problemi e dove stanno, perché prima sì e ora forse? A Vittoria operano, al 31 dicembre 2019, 7.308 piccole e medie imprese che creano occupazione, reddito e risparmio; pagano le tasse, tante tasse, il 60% su ciò che guadagnano e operano soprattutto in un contesto economico e sociale difficile. La capacità imprenditoriale di queste persone, il territorio tutto, merita ogni tanto i dovuti riconoscimenti oppure deve ottenere soltanto risultati parziali, poco consistenti e poi tanto fango?”.

 

la Redazione

Etichette: ,

Relativo a