Postato in data 28 ottobre 2020 Da In Soldi

VETRINA “NAZIONALE” PER IL CONSORZIO OLIO DOP MONTI IBLEI.

Il quotidiano economico Il Sole 24 ore, in un articolo pubblicato a pagina 33, da ampio spazio alle attività del consorzio di tutela dell’olio dop monti iblei con una panoramica anche alla modifica al disciplinare di produzione pubblicata sulla gazzetta europea lo scorso 19 agosto. “E’ il frutto di un lavoro intenso – spiega il presidente del consorzio, Giuseppe Arezzo .

– fatto in questi anni dal consorzio e da tutti i produttori che hanno fatto conoscere e apprezzare, in ogni parte del mondo, l’oro verde che si produce in questo lembo di Sicilia. Il quotidiano nazionale “Il  sole 24 ore” ha voluto approfondire le tematiche legate alla tipicità del prodotto, la sua unicità, la sua storia,   e le aree di produzione”. Un profumo inebriante, nella nuova produzione, che si cerca di individuare nelle note olfattive sottolineando l’incredibile potere evocativo degli odori che si percepiscono.

L’armonia tra le note olfattive e gustative è una caratteristica specifica comune di questo olio. “Siamo nel clou della nuova raccolta –aggiunge il presidente del consorzio – con un prodotto di eccelsa qualità. Anche quest’anno l’olio dop monti iblei sarà un veicolo straordinario di promozione con mille difficoltà, ahimè, legate alla pandemia e alla chiusura anticipata alle 18 delle attività di ristorazione”.

Con la modifica al disciplinare di produzione ci sarà  l’ingresso di nuovi comuni e l’inserimento di nuove varietà. Quattro le new entry: Scordia e Mirabella Imbaccari in provincia di Catania, Avola e Carlentini nel siracusano. Altra novità  l’inserimento di due varietà autoctone Biancolilla e Zaituna e la possibilità, per i produttori, di realizzare olii monocultivar o, in alternativa, con uno, due, tre e al massimo cinque cultivar diverse.

di Redazione

Relativo a