Postato in data 15 febbraio 2021 Da In Città

ULTIMI LAVORI ALLA CAPPELLA FUNERARIA DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELL’ARMA DEI CARABINIERI NEL CIMITERO DI IBLA

“La seconda cappella cimiteriale dell’Associazione Nazionale dell’Arma dei Carabinieri in costruzione  nel cimitero di Ragusa Ibla,  ha preso forma  e intorno al periodo della prossima  Pasqua si prevede  la benedizione”.

Con giustificato  orgoglio  il Presidente Cav. Enzo Santo Buccheri  annuncia i progressi dei lavori affidati all’impresa  edile di Fabio Cutrone, sulla base di un progetto ideato dal padre, Geometra Sebastiano Cutrone  e dell’Architetto  Aurelio Francesco Maganuco,  in cui si prevede la realizzazione  di 180 loculi con annesse cellette ossarie ed un vialetto che separa la cappella dal cenerario. Il “Giardino della Memoria”, antistante la Cappella, sarà la vera novità del complesso.

Il giardino  sorgerà  all’interno del  complesso funerario che  si diversifica dai classici monumenti dedicati ai defunti,  per l’armonia dei colori legati alla realizzazione di un prato verde con panchine contestualizzate con un urna centrale a vaso conico che permetterà l’inserimento delle ceneri come da normativa regionale. Una volta finita, sarà la prima opera in Sicilia ad aver rispettato la nuova normativa per la rassegnazione e la serenità dei vivi, proiettati nell’immaginario del “riposo eterno”.

“Sono onorato dice il geometra Sebastiano Cutrone- per la rinnovata fiducia che il Presidente dell’Associazione Carabinieri  ha riposto nel lavoro della mia impresa. Dopo la prima cappella, realizzata nel cimitero centrale di Ragusa mi ritrovo oggi, a concludere un’opera innovativa di straordinaria importanza”.

“Sono particolarmente orgoglioso-  conclude il presidente Enzo Santo Buccheri-  di avere contribuito alle finalità della nostra Associazione, tesa a promuovere buone  iniziative nella soluzione dei problemi della società, non tralasciando lo spirito di dedizione di tanti colleghi che hanno trovato e troveranno sempre nell’Arma dei Carabinieri, una grande e vera famiglia. Vorrei ricordare infine che l’Associazione è aperta anche ai cittadini che, formalmente tesserati, potranno diventare soci e usufruire dei servizi e dei benefici proposti”.

Giuseppe Suffanti

Referente della Comunicazione ANC- Ragusa

 

Foto- Cav. Enzo Santo Buccheri

 

Relativo a