Postato in data 11 ottobre 2017 In Provincia

SOPRALLUOGO DEI NAS AL PRONTO SOCCORSO DI SCICLI, COSA SUCCEDE? VANASIA CHIEDE SPIEGAZIONI .

 

 

“Gli uomini del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità dei Carabinieri hanno effettuato, questa mattina, un sopralluogo presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Busacca di Scicli e sono andati via stilando un verbale che al momento è rimasto segreto, ma che desta grande preoccupazione. Il commissario ASP di Ragusa, Lucio Ficarra, e il direttore sanitario del Busacca, dr. Pietro Bonomo, ci dicano subito come stanno le cose”. Lo dichiara, allarmato, il candidato dell’UDC alle regionali del 5 novembre, Carmelo Vanasia, appresa da fonti interne all’ospedale la notizia della visita dei militari dell’Arma.

“Gli sciclitani hanno bisogno che si sappia subito come stanno le cose – aggiunge Vanasia – perché la preoccupazione è che si stia giocando troppo con la salute dei cittadini: il Pronto Soccorso è inagibile? Lo si deve sapere immediatamente, i cittadini hanno il diritto di conoscere le reali condizioni di questo presidio sanitario ed hanno il diritto di non essere presi in giro da politici e amministratori.

Sappiamo che nel decreto Balduzzi è previsto che il nostro ospedale dovrà chiudere, a tutti ci vengono a dire che non è vero. La visita di questa mattina da parte dei NAS, francamente, non aiuta questa versione dei fatti, anzi… Temiamo che il giochino sia quello di tenere in vita l’ospedale fino a quando non saranno concluse le elezioni, giusto per dare la possibilità a qualcuno di ‘vendersi’ ciò che non può ‘vendere’. Ecco, noi sciclitani ESIGIAMO  che ci venga detta la verità”.

“Chiedo a Ficarra e Bonomo ammettere come stanno realmente le cose – conclude Vanasia – il Pronto Soccorso sta per chiudere. Se mi sbaglio mi smentiscano ufficialmente e si prendano questa responsabilità pubblicamente”.

Veronica Barbarino

Etichette: ,

Relativo a