Postato in data 21 dicembre 2019 Da In Al servizio del cittadino

OBIETTIVI DEL 2020 PER PENSIONATI U.I.L. DI RAGUSA

“Quello che ci aspetta è un 2020 ricco di obbiettivi, alcuni dei quali hanno lunghi percorsi già iniziati quest’anno, come la raccolta di migliaia di firme per la legge nazionale sulla non autosufficienza e le innumerevoli lotte per l’adeguamento delle pensioni. Un percorso per riaffermare la vera mission del sindacato: organizzare gli interessi e rappresentarli. Un obiettivo che vede unite tutte le categorie e si apre ai giovani”. Queste le parole del Segretario Generale della categoria, Giorgio Bandiera, che ha aperto il Direttivo Uil pensionati svoltosi ieri mattina, 20 dicembre 2019.

Alla presenza del Segretario Generale Uil Sicilia, Claudio Barone e della Segretaria organizzativa Uil Sicilia nonchè commissario della struttura territoriale Siracusa, Ragusa e Gela, Luisella Liotti, questo direttivo conclusivo dell’anno in corso è stato occasione per consegnare delle targhe riconoscimento a Peppino Ruta, storico dirigente della Uil, Peppino Corallo, ex segretario dei Chimici e Mario Cocuccio per l’impegno e la dedizione dimostrata in tanti anni di appartenenza al sindacato.

Svariate le tematiche prese in esame: dall’attuale situazione politica, sindacale ed economica in cui verte il paese, ai temi più circoscritti come le condizione organizzative e gestionali della sanità locale e dei servizi erogati dai comuni, la mancanza di infrastrutture che interessano la nostra provincia ed infine il bisogno impellente di supportare i giovani nel loro ingresso nel mondo del lavoro. Creare un sindacato ancora più forte, autorevole, condiviso e apprezzato dall’opinione pubblica, ma allo stesso tempo coinvolgere sempre più persone.

“Spiegare cos’è il sindacato ad un giovane che non conosce le problematiche lavorative perchè disoccupato diventa piuttosto complicato. Oggi l’esodo dei nostri giovani non ci consente di prospettarne un ritorno. Ci troviamo in una condizione davvero drammatica, abbiamo passato tante crisi ma nel passato c’era la speranza e la voglia di crescere con l’idea di migliorare, cosa che oggi non esiste più”. – dichiara in conclusione Claudio Barone, Segretario Generale Uil Sicilia – “Siamo allo sbaraglio, specie nel mezzoggiorno.

Non esiste un’offerta, non esiste prospettiva, solo cerotti come il reddito di cittadinanza. Mancano i riferimenti politici che guidino il paese e che pensino non all’oggi ma al domani. Il sindacato non ha più interlucatori, siamo soli. Siamo noi il punto di riferimento delle persone.

Non possiamo sostituirci ai partiti ma abbiamo il dovere di offrire una risposta, mettendo insieme tutte le persone di buona volontà che possano e vogliano porsi il problema del futuro del nostro paese. Questa possibilità è reale e dobbiamo realizzarla. Dobbiamo iniziare da ciò che sappiamo fare: le lotte, le iniziative ma sopratutto dalla capacità, che abbiamo, di ascoltare e parlare con la gente ogni giorno fornendo un servizio e un’informazione impeccabile.

Il Sindacato oggi è punto di riferimento per tutti i cittadini. Un riferimento che valorizzi ciò che è stato fatto in passato e offra una porta per il futuro”.

La Redazione

Etichette:

Relativo a