Postato in data 18 maggio 2020 Da In Città

NASCE LA SECONDA CAPPELLA CON ANNESSO CINERARIO DELL’ANC (ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI) NEL CIMITERO DI RAGUSA IBLA

La storia dell’ANC ci riporta al 1° marzo 1886, da quella data infatti si costituisce a Milano la prima Società di Mutuo Soccorso tra congedati e pensionati dai Carabinieri Reali, la prima vera associazione tra militari non più in servizio. La grande famiglia rimase unita dall’Associazione che ancora oggi promuove iniziative culturali, ricreative e di formazione, e non solo.

Con la presidenza del Cav. Enzo Buccheri, otto anni fa fa si realizza, nell’ottica unitaria dello spirito dell’Arma, la prima cappella nel cimitero centrale con 134 loculi a cui aderiscono soci e simpatizzanti. Oggi alla luce della prima positiva esperienza è in costruzione una nuova cappella nel cimitero di Ibla che si caratterizza per essere uno dei primi luoghi di sepoltura nato Sicilia dopo l’emanazione della legge del marzo del 1817 che vietava le sepolture nelle chiese.

Il cimitero nacque intorno al 1838, e da lì a poco furono edificate tombe gentilizie che resero quest’ultimo un piccolo scrigno di opere d’arte.  Il progetto redatto dal Geometra Sebastiano Cutrone, prevede  184 loculi con annesse cellette ossarie, con un vialetto che separa la cappella dal cinerario. “Questi inserito- afferma Cutrone-  in un contesto dove verranno realizzati un prato verde con panchine e un’urna centrale a vaso conico che permetterà l’inserimento delle ceneri come da normativa regionale.

La realizzazione dell’opera è già in corso- dichiara il Presidente Enzo Buccheri – e questo permetterà ai soci effettivi e ai soci simpatizzanti che hanno aderito o che vorranno aderire al progetto, di essere testimoni della costruzione di un’opera che vede Ragusa un passo avanti rispetto al resto dell’isola”.

Giuseppe Suffanti

Referente della Comunicazione dell’ANC di Ragusa

 

Etichette: ,

Relativo a