Postato in data 2 agosto 2019 Da In Legalità-2

LA MAFIA UCCIDE D’ESTATE E ……NON SOLO di Paolo Caruso

Dopo le commemorazioni degli attentati in cui perirono i magistrati Falcone e Borsellino, in questa calda estate palermitana gli appuntamenti rievocativi purtroppo si susseguono con scadenze quasi settimanali a memoria della lunga scia di sangue che percorse Palermo e la Sicilia negli anni della cosiddetta “mattanza”, dall’attentato al giudice Chinnici e la sua scorta, all’assassinio del procuratore Costa e a quello del giudice Cesare Terranova.

Quante ricorrenze di morte in questa martoriata terra di Sicilia ferita troppe volte e deturpata nella sua vocazione di terra ospitale, portatrice nel suo grembo di grandi tradizioni culturali unita com’è con un legame indissolubile ai Verga, ai Pirandello, ai Tomasi di Lampedusa, agli Sciascia ai Camilleri, scrittori che meglio di altri hanno saputo rappresentare l’ animo stesso di quest’isola meravigliosa e le sue innumerevoli contraddizioni. A noi non resta altro che tenere scolpite nella memoria le figure di questi UOMINI vittime immolate per il riscatto della Sicilia e tramandare alle future generazioni gli ideali di onestà, di giustizia di libertà e di amore per la propria terra.

Paolo Caruso

Etichette: ,

Relativo a