Postato in data 28 novembre 2020 Da In Sport

IL BASKET RISORGE A RAGUSA CON LA “VIRTUS KLEB”. DOMENICA PRIMO INCONTRO SENZA PUBBLICO CON IL BOLOGNA BASKET

Il campionato di serie B è alle porte e la Virtus Kleb Ragusa si presenta ai suoi tifosi e alla città in una location affascinate e carica di significato. Nella fabbrica Ancione luogo simbolo del capoluogo ibleo impreziosito dalle opere della manifestazione Bitume, la presidente Sabrina Sabbatini insieme al suo staff ha voluto presentare la squadra e ha svelato la divisa che i giocatori indosseranno durante il campionato. Sulla maglia c’è raffigurata la donna d’oro delle carte siciliane con un pallone da basket nelle mani.

Un simbolo di sicilianità e di attaccamento al territorio fortemente voluto da questa dirigenza. In un momento così particolare dovuto al contenimento del covid-19 e nell’incertezza di uno svolgimento del campionato regolare la Virtus Kleb Ragusa scende in campo con la voglia di far bene e dare spettacolo ai propri tifosi. Tifosi, appunto, che non potranno assistere alle partite dal campo perché le norme vigenti prevedono lo svolgimento delle gare a porte chiuse ma che grazie alla diretta televisiva in chiaro potranno seguire il match. La presidente Sabbatini e coach Bocchino sono soddisfatti del lavoro svolto finora ma rimangono concentrati sulla prima partita di domani contro il bologna basket.
«Siamo emozionati – afferma Sabrina Sabbatini – per l’inizio di questa nuova avventura. Il momento non è dei migliori ma abbiamo una responsabilità su questi giovani ed è principalmente per questo che lo sport non può fermarsi. Abbiamo scelto una location particolare per presentare la squadra. Domenica scenderemo in campo per la prima partita e c’è tanta energia nell’aria. I ragazzi si sono preparati tantissimo e sono certa che daranno il meglio di loro. Con lo staff e in particolare con coach Bocchino sono in stretto contatto per agire sempre all’unisono. Purtroppo non ci sarà il pubblico con noi in campo ma con le dirette televisive entreremo a casa dei nostri tifosi per cercare di far vivere l’emozione del match. Noi ce la stiamo mettendo tutta per portare nuovamente la Virtus Ragusa ai fasti di un tempo e mi auguro che la città possa sostenerci sempre di più».

di Redazione

Relativo a