Postato in data 10 settembre 2019 Da In Spettacoli

I FANTASMI DEL PASSATO……RIAFFIORANO IN QUESTO PICCOLO MONDO ANTICO

Mentre il presente è già passato, e il futuro è già il presente, il mondo resta costantemente ingabbiato in una molteplicità di interessi che esulano dalle vere necessità dell’uomo. Come recitava il testo di una vecchia canzone degli anni sessanta, “Il potere e il denaro sono trappole mortali che per tanto e tanto tempo han funzionato”, oggi più che mai questi continuano a incidere pesantemente nella vita dell’essere umano, condizionandone l’esistenza e quindi le proprie scelte.

Il materialismo più sfrenato si è impossessato dell’animo umano con i suoi valori, sostituendo l’etica con il profitto, il bene comune con il proprio Ego, e l’egoismo più esasperante. Gli interessi economici, la cosiddetta globalizzazione, l’estremo sfruttamento di risorse del pianeta, la deforestazione della Amazzonia, l’inquinamento terrestre con la plastificazione anche di vaste aree marine, costituiscono di per se un tragico esempio della condotta irresponsabile e della cecità dell’uomo nel gestire l’ecosistema, la biodiversità, mettendo a rischio anche la stessa sopravvivenza della specie.

I molteplici focolai di guerra che infiammano diversi territori, le instabilità politiche in vari paesi, sono tutte riconducibili prevalentemente a interessi economici legati al sistema geo politico delle multinazionali, interpretazione moderna del neocolonialismo del terzo millennio. La ricchezza dei popoli della terra concentrata in poche mani, spesso in uomini senza scrupoli, rappresenta efficacemente l’antica concezione della condizione umana di “Homo homini lupus”.

La politica intesa come governo della polis ha cambiato identità di rappresentanza, non più il popolo sovrano bensì l’alta finanza che riesce a condizionare i programmi di governo di ogni singolo stato.

Paolo Caruso

Etichette: ,

Relativo a