Postato in data 9 agosto 2019 Da In Al servizio del cittadino

ESITATO POSITIVAMENTE IL PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE A COMISO

Il Consiglio comunale ha esitato positivamente il programma triennale delle opere pubbliche. Per il vicesindaco con delega ai Lavori pubblici arch. Roberto Cassibba si tratta di un importante documento che consentirà di realizzare rilevanti interventi a trecentosessanta gradi.

“Abbiamo varato un piano triennale di opere pubbliche molto articolato – ha commentato il vicesindaco Roberto Cassibba –. Infatti, sono stati attenzionati tutti i possibili settori d’intervento al fine di migliorare la vivibilità della nostra città, rendendola più sicura e godibile, razionalizzando inoltre il traffico veicolare e pedonale”.

Questi gli interventi previsti:

Viabilità: rotatoria di corso Ho Chi Min all’incrocio con via Generale Girlando a Comiso; bretella di collegamento tra via Lagrange e viale del Mediterraneo a Comiso; prolungamento e raccordo di via XXV Aprile con via XXV Luglio a Pedalino; strada Canicarao a Comiso fino al castello Trigona (Torre Canicarao), per quest’ultima è stato richiesto un finanziamento regionale di un milione di euro all’assessorato alle Infrastrutture.

Impiantistica sportiva: Ampliamento Paladavolos, entro l’estate del 2020; nuova copertura palestra scuola Monserrato per la quale è stato richiesto il relativo finanziamento; nuova copertura della tribuna dello stadio comunale “Peppe Borgese”, anche in questo caso il finanziamento dell’opera è stato già richiesto; nuova copertura della Piscina Comunale.

Edilizia scolastica: progettati lavori di manutenzione varia per la scuola dell’infanzia “Campo Sportivo”; interventi per 130.000 euro per mezzo del cosiddetto decreto crescita per l’asilo “Don Bosco”; miglioramenti strutturale per le scuole dell’infanzia “Mazzini” e “San Biagio”.

Beni culturali e monumentali: lavori di manutenzione e installazione di pannelli fotovoltaici presso il “Teatro Naselli”; realizzazione del Museo Caruso.

Edilizia residenziale: accesso a un finanziamento di due milioni e 230 mila euro per edilizia a canone sostenibile per la realizzazione di nuovi alloggi e di un centro polifunzionale comunale.

Rischio idrogeologico: completato il progetto preliminare di rifacimento di via Papa Giovanni XXIII finalizzato ad attenuare di molto, se non eliminare del tutto, i rischi per persone o cose in caso di forti piogge o alluvioni.

“Sono tutte opere rilevanti che cambieranno in pochissimi anni e in meglio il volto della città – continua il vicesindaco Cassibba -. Mi piace porre l’accento, in particolare, su due opere: la bretella di collegamento tra via Lagrange e viale Mediterraneo perché consentirà non solo di agevolare e snellire il traffico, soprattutto dei mezzi pesanti, ma perché riqualificherà tutta la zona rendendola più sicura sotto il profilo della circolazione veicolare e pedonale risolvendo un problema vecchio di parecchi decenni.

Altro progetto molto importante  per la nostra città che l’Amministrazione Schembari sta portando avanti  e che la città attende  da sempre  è la messa in sicurezza dal rischio idrogeologico della via Papa Giovanni XXIII. Per la prima volta nella storia cittadina è stato approntato un vero e proprio progetto finalizzato ad essere realizzato. Finora, a questo proposito possiamo contare uno studio, peraltro risalente a parecchi anni fa, che poi non ha avuto alcun seguito.

Sono molto contento e soddisfatto per i progetti esecutivi completati e sviluppati in questo primo anno di Amministrazione, grazie ai quali breve inizieranno  i lavori  del  parcheggio di corso Ho Chi Min nell’ex mercato ortofrutticolo, della bretella di collegamento tra via Lagrange e viale del Mediterraneo e  della rotatoria di corso Ho Chi Min all’incrocio con via Generale Girlando, altri nel prossimo anno perché, com’è noto, le opere pubbliche seguono un iter burocratico spesso lungo.

Ringrazio gli uffici per il pregevole lavoro svolto, ed in particolare il dirigente l’ingegnere Micieli  e il geometra Cilia.  Stiamo lavorando per la città ed il cambiamento si vedrà a breve”.

 
La Redazione

Etichette: ,

Relativo a