Postato in data 3 dicembre 2018 Da In Al servizio del cittadino Con 95 Visualizzazioni

E’ VENUTO IL MOMENTO DI CAMBIARE PER UNA SANITÀ PIU’ VICINA AI CITTADINI di Paolo Caruso

Al ministro della salute vorrei ricordare da medico siciliano come le difformità assistenziali esistenti tra le diverse aree geografiche (nord sud in primis) pesino come macigni sulla gestione e qualità delle prestazioni sanitarie, tematica che la dottoressa Grillo conosce benissimo.

Urge, a mio modesto parere, oltre una seria programmazione  e una rivisitazione sia in termini quantitativi che qualitativi della rete ospedaliera, rivedere le piante organiche degli ospedali con nuove assunzioni volte a ripristinare le carenze croniche del personale medico e infermieristico, dando priorità alle aree di emergenza, e  potenziando anche i reparti cosi’ da attivarsi regolarmente gli ambulatori. 

E’ necessario risolvere definitivamente l’ incompatibilità e il conflitto di interessi tra pubblico e privato, tutte cause che influiscono spesso sulle lunghe liste di attesa, passando da un servizio sanitario pubblico depotenziato,  (politica collusa spesso con il malaffare, estrema burocratizzazione ecc…), ad un organo gestionale  snello erogatore di assistenza di ottimo livello su tutto il territorio nazionale.

Rielaborare la governance delle aziende sanitarie con un sistema meritocratico di nomine cosi’ da tagliare definitivamente i legami con la politica e le sue clientele.( appalti, difformità di prezzo negli acquisti, ecc..).  Correggere il sistema di totale gratuità (esenzione ticket) delle prestazioni e dei farmaci, introducendo un piccolo contributo quale quota simbolica di compartecipazione al SSN da parte parte di tutti i cittadini; anche cosi’ si ridurrebbero le liste di attesa e si potrebbe limitare la spesa. Rivalutare la figura del medico di base costretto oggi sempre piu’ ad abdicare alla sua professionalità e a districarsi tra burocrazia, restrizioni prescrittive, e rapporto conflittuale con il paziente.

 

Dott. Paolo Caruso ( Palermo)

 

Etichette:

Relativo a