Postato in data 11 maggio 2020 Da In Eventi

CONTAGIO COVID 19 IN SICILIA, 12 NUOVI CASI, 18 GUARIGIONI E UNA NUOVA VITTIMA

Mentre il dato dei contagi in continua anche se lento calo fa ben sperare in vista delle ulteriori riapertura che potrebbero essere decise in queste ore a far data dal 18 maggio, c’è un elemento che crea perplessità e desta attenzione. Si tratta dell’andamento dell’indice di trasmissività ovvero quello che tecnicamente viene chiamato Rt, che in Sicilia, con grande sorpresa, alla rilevazione dell’8 maggio dava un valore di 1,12 dunque superiore ad 1, e soprattutto denunciando il più alto valore del Paese.

Un dato che sembra contrastare con quello generale del basso contagio ma che potrebbe trovare due diverse spiegazioni logiche che tendono a spegnere gli allarmi. Per essere, però, certi che non ci siano problemi bisognerà attendere l’elaborazione della rilevazione del 15 maggio, elemento importante perchè da quel dato dipendono le decisione su aperture più o meno ampie.

Ma intanto l’attenzione continua a concentrarsi sul dato del contagio ‘puro’ e sulle conseguenze sul sistema sanitario dell’andamento della malattia e dunque indice di riempimento delle terapie intensive, e dei posti ospedalieri e alberghieri dedicati covid19 Sicilia

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 15 di oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale.

Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 103.134 (+731 rispetto a ieri), su 92.609 persone: di queste sono risultate positive 3.339 (+12), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.062 (-7), 1.020 sono guarite (+18) e 257 decedute (+1).

Degli attuali 2.062 positivi, 287 pazienti (-2) sono ricoverati – di cui 16 in terapia intensiva (0) – mentre 1.775 (-5) sono in isolamento domiciliare.

Rilevanti sono le notizie che vengono da singole province. Trapani ha raggiunto oggi il dato di contagio zero. Un elemento molto importante anche in considerazione del fatto che fino a qualche giorno or sono nella provincia c’era una delle quattro zone rosse ovvero Salemi.

Ma ci sono guarigioni e dimissioni in varie aree della Sicilia. Trai pazienti guariti e dimessi a Caltagirone, altri due guariti a Siracusa e così via. Una situazione in netto miglioramento. E si spera, adesso, che anche i dati della prossima settimana confortino  e smentiscano chi teme in un rimbalzo legato alle prime riaperture.

 

di redazione

Etichette:

Relativo a