Racconti <- Categoria

  Quella di ieri è una storia dai tratti sconvolgenti. Una storia vera. Una storia che non può essere raccontata con i connotati di un colore politico o di una bandiera di parte. Quella di ieri è una storia che può essere vissuta solo con umanità. Quella umanità necessaria che deve unirci nel dolore. Un dolore comune e sociale. Per una volta uniamoci in una direzione unica. Proviamoci. Insieme agli operatori sanitari, ai volontari, alla prefettura e alle forze di polizia mi porto e ci portiamo dentro un’immagine brutale. QuellaLeggi tutto
    Abbiamo intervistato l’ amalfitana Rita A. Dipino, pittrice e poetessa ( nella foto ), allieva dell’ Accademia di Belle Arti di Napoli, che ha avuto come docente di pittura il Maestro Domenico Spinosa. La domanda che le abbiamo fatto è stata: << Che cosa è l’ arte per lei? >>. Sorridendoci ha risposto: << L’ arte è linguaggio universale, ha un ruolo importante nel contesto sociale, possiamo considerarla evoluzione storica della cultura e del pensiero umano. E’ la chiave della creatività, che favorisce i rapporti sensoriali ed emozionali,Leggi tutto

Postato in data luglio 28, 2017Da DirettoreIn Racconti

Il SILENZIO MI FA COMPAGNIA- di Chiara Gatti

 Pochi giorni fa una notizia apparsa su La Stampa, esattamente il giorno 13, ha presentato una storia che “non fa notizia”, se non quella di raccontare il modo di vivere di una persona così normale da diventare “caso” da giornale. Protagonista dell’articolo era infatti una nonnina di 91 anni, certa Paolina Grassi, diventata oggetto di interesse da parte del giornalista per il fatto di vivere ormai sola nel suo ex-paesino (quasi un cumulo di casupole disabitate) a Socraggio, in Valle Cannobina. Persa infatti anche l’ultima sorella, che viveva lì conLeggi tutto

Postato in data giugno 24, 2017Da DirettoreIn Racconti

SEMPLICEMENTE L’ AMORE

“Quando senti di non essere più dipendente da nessuno, dentro di te nascono una quiete, un silenzio e un abbandono profondo. Questo non vuol dire che smetti di amare. Al contrario per la prima volta sperimenti una qualità e una dimensione nuove dell’ amore” -Osho- L’ amore nasce dentro di noi, per noi stessi prima di tutto. Se non siamo in grado di vederci, apprezzarci e amarci non possiamo amare l’ altro, semplicemente perché non abbiamo nulla da donare, semplicemente perché l’ amore non sarebbe autentico bensì sarebbe solo mendicareLeggi tutto
uovo pasqua

Postato in data aprile 12, 2017Da LopinioneIn Racconti

L’UOVO DI PASQUA E LA SORPRESA MAGICA

La signora Camilla, da brava e affettuosa nonna, in occasione delle festività pasquali è solita donare  un grosso uovo di Pasqua a ognuno dei  suoi adorati nipotini che si contano come le dita della mano: Marco di 5 anni, Donatella di 6, Gabriele di 7, Simone di 8 e Alessia di 9. Quest’anno  però l’anziana signora ha deciso di procedere alla distribuzione delle uova in modo diverso dal solito, organizzando il sabato prima di Pasqua una festicciola a casa sua in occasione dell’assaggio dei biscotti preparati con le sue maniLeggi tutto
il tempo

Postato in data gennaio 2, 2017Da LopinioneIn Racconti

IL TEMPO

Aurora si alzò tardi quel primo dell’anno. Aveva trascorso quasi l’intera notte in compagnia di cari amici  che non la lasciavano mai sola nelle giornate speciali. Certo, c’erano i suoi figli, ma avevano le loro famiglie, avevano anche loro gli amici con cui festeggiare e non era il caso che passassero sempre le feste con lei che, in fondo, venivano a trovare molto spesso. Quella fredda mattina di gennaio si sentiva particolarmente triste, senza una vera ragione. Un nuovo anno stava per iniziare e chissà quali altre sorprese o eventiLeggi tutto
capodanno-1

Postato in data dicembre 20, 2016Da LopinioneIn Racconti

UN CAPODANNO DA DIMENTICARE

La fine dell’anno è ormai alle porte. Come ogni anno, Giovanna si appresta a organizzare un bel cenone a casa sua. Negli anni passati, quando era più giovane, era solita invitare un consistente numero di amici e parenti, ma poi, a mano a mano, il numero era andato assottigliandosi parecchio fino a ridursi, dopo la morte dei suoi genitori, solo a dieci persone, tutti familiari: lei, il marito Carlo, i suoi suoceri, la figlia Sabina, il genero Enzo, i due nipotini di 2 e 10 anni, la sorella Gina eLeggi tutto
regali

Postato in data dicembre 3, 2016Da LopinioneIn Racconti

I REGALI DI NATALE

Lucia se ne stava seduta in soggiorno assorta in spiacevoli considerazioni. Natale era vicino, ma quest’anno non l’avrebbe trascorso in compagnia dei suoi figli. Gabriele, che studiava all’Università, si era fratturato una gamba ed era stato ospitato dai genitori della sua ragazza, quindi non era in grado di viaggiare, mentre Massimo lavorava in Inghilterra in un ristorante e in quel periodo non poteva assentarsi. Lei e suo marito Giuseppe avrebbero passato il loro primo Natale senza i loro amati figlioli. Avrebbe potuto organizzare una festa con i parenti, ma eranoLeggi tutto
ombrello

Postato in data novembre 24, 2016Da LopinioneIn Racconti

L’OMBRELLO

Simone era uno scrittore in crisi da tempo, ormai. Dopo il successo del suo primo romanzo di fantascienza “Muro d’acciaio”, non era più riuscito a scrivere niente di decente. Avrebbe potuto continuare a cimentarsi in quel genere che gli aveva portato fortuna e visibilità, ma la sua fervida fantasia continuava a cozzare contro un “muro d’acciaio” altrettanto resistente e invalicabile come quello descritto nel suo libro. Dopo mesi di notti insonni e di riflessioni sulla natura di quel blocco di idee che invadeva il suo cervello, realizzò che forse eraLeggi tutto
terremoto

Postato in data novembre 6, 2016Da LopinioneIn Racconti

INFERNO

Un boato assordante. La terra che trema, sussulta e oscilla per sessanta interminabili secondi.E poi  “ascolto” lo scricchiolio dell’armadio che avanza, il letto muoversi come un carro all’assalto, il soffitto spezzarsi in mille detriti, il pavimento diventare una voragine senza fondo. La polvere entra nella narici, nella bocca e negli occhi spalancati nel buio. Le mani incrociate sul viso non bastano per proteggermi, tutto mi cade addosso e mi colpisce ma, nonostante l’inferno che si scatena e mi soffoca, resto assurdamente lucido e vigile. Ho il tempo di assaporare ilLeggi tutto