Postato in data 25 novembre 2021 Da In Città

ATTIVO DA OGGI LO SPORTELLO ANTIVIOLENZA DEL COMUNE DI RAGUSA- (379/2997702)..

Consegnato stamane il servizio dello Sportello Antiviolenza  del Comune  affidato, per tre anni, a seguito di regolare procedura, alla cooperativa sociale “Integrorienta”,  regolarmente accreditata  nell’apposito albo regionale.

Per dare il via al nuovo servizio, presso la sala giunta del Comune infatti si sono incontrati il sindaco, Peppe Cassì, il dirigente del settore VII – Servizi alla persona, Salvatore Guadagnino, la capo area minori del Comune, Maria Carfì  e la presidente della Cooperativa “Integrorienta”, Francesca Failla.

Il Comune è stato il primo firmatario assieme ad altri enti di un protocollo d’intesa  con la Prefettura di Ragusa, accordo sottoscritto anche da altre associazioni, per realizzare delle iniziative di contrasto alla violenza contro le donne.

 “Diamo il via ad un servizio come quelle dello Sportello Antiviolenza  –  ha dichiarato il sindaco Peppe Cassì –  che riteniamo particolarmente utile in un momento in  cui, purtroppo, il triste fenomeno della violenza alla fasce più deboli è costantemente alla ribalta della cronaca nazionale. Proprio in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che si celebra oggi 25 novembre, affidiamo alla Cooperativa “Integrorienta” la gestione dello Sportello certi dell’importante supporto che sarà in grado di fornire al Comune”.

“Siamo stati chiamati a svolgere un delicato servizio – ha affermato la presidente della cooperativa “Integrorienta” Francesca Failla – un’attività particolare che ci ha visto impegnati, essendo già da tre anni accreditate nell’apposito albo regionale, a fronteggiare situazioni particolari anche nel periodo del lockdown.

Tra gli obiettivi dello Sportello Antiviolenza, che abbiamo voluto denominare “Il Pettirosso”, rientrano quello di prevenire e contrastare  il fenomeno del maltrattamento, della violenza e dell’abuso, garantire sostegno, aiuto e tutela  nei confronto  dei soggetti vittime di violenza o abuso, promuovere il reinserimento sociale  dei soggetti vittime di  maltrattamento, violenza e abuso.

Per svolgere il nostro lavoro ci avverremo  di una operatrice  con formazione nell’area pedagogica e sociale,  di una psicologa o psicoterapeuta,  di un avvocatessa  e di una mediatrice  linguistico-culturale. Nelle more dell’attivazione di un numero verde dedicato allo “Sportello Antiviolenza” è possibile raggiungerci telefonicamente al numero 379/2997702.

DI REDAZIONE

 

Relativo a