Postato in data 5 gennaio 2023 Da In Salute

ANSIA E DEPRESSIONE SI COMBATTONO CON UNA PASSEGGIATA NEI BOSCHI

Una nuova ricerca dell’Università norvegese di scienza e tecnologia mostra come anche brevi esposizioni a immagini e video della natura portino a un cambiamento dell’attività cerebrale correlata al rilassamento e al benessere.

Dopo una passeggiata nei boschi, le spalle si abbassano, il cuore smette di battere forte, i pensieri scorrono un po’ più calmi. A rivelarlo, una nuova ricerca dell’Università norvegese di scienza e tecnologia (NTNU) appena pubblicata su Journal of Clinical Medicine. Guidata dal professor Simone Grassini, insieme al suo team, la ricerca ha raccolto tutti gli studi su questo argomento negli ultimi dieci anni.

La ricerca mostra che nell’era degli smartphone e dei social media, il numero di adolescenti e giovani adulti in Norvegia con depressione e ansia è raddoppiato. Il 44% delle ragazze adolescenti in Norvegia ora lotta con lo stress e i pensieri pesanti. La depressione è purtroppo un fenomeno comune, così come l’ansia. In Norvegia, circa una persona su dieci sperimenterà ansia o depressione nel corso di un anno. Spesso questi due disturbi si verificano insieme.

In tutto il mondo, 264 milioni di persone hanno sofferto di depressione nel 2020. Il professore Simone Grassini ha selezionato gli studi in cui i ricercatori includevano un gruppo che faceva passeggiate nei boschi e un gruppo di controllo che non faceva passeggiate nei boschi. Tutti in entrambi i gruppi hanno lottato con ansia e depressione. Sei studi sono stati selezionati e tutti dicono tutti la stessa cosa: una passeggiata nei boschi è efficace contro l’ansia e la depressione.

“Queste passeggiate sono un metodo efficace e semplice per qualcosa con cui molte persone lottano”, afferma Grassini, ora neuroscienziato e professore associato di psicologia all’Università di Stavanger. Quando lo studio è stato condotto, era un ricercatore presso NTNU. Studi di laboratorio dimostrano che anche brevi esposizioni a immagini e video della natura portano a un cambiamento dell’attività cerebrale correlata al rilassamento e al benessere. Altre ricerche che dimostrano che l’esercizio stesso ha un effetto positivo sull’esperienza del benessere. “Studi condotti all’aperto hanno dimostrato che anche una breve esposizione a un ambiente forestale porta a una minore attività nel centro della paura del cervello”, afferma Grassini.

Sebbene il potere curativo della natura non sia stato analizzato con metodi scientifici, è qualcosa su cui molti filosofi hanno riflettuto molto. Solveig Be, professore di filosofia alla NTNU sottolinea il fatto fondamentale che anche gli esseri umani fanno parte della natura. “Se torniamo abbastanza indietro nella nostra storia evolutiva biologica, siamo imparentati con tutto ciò che vive e ha vissuto. Un filosofo con cui ho lavorato per un po’, Merleau-Ponty, sostiene che ovunque ci sia vita in natura, c’è significato. Questo significato risuona con noi”, afferma Be. Questo spiega, secondo il filosofo, perché stare nella natura sembra significativo. Può aiutarci a renderci conto che c’è qualcosa di più importante di ciò su cui andiamo in giro a meditare nel nostro cuore. “Fuori negli spazi verdi, circondati dal canto degli uccelli, dal suono dell’acqua che scorre, dall’odore della vegetazione, capiamo di essere parte di qualcosa di più grande. Può farci bene e aiutarci a dimenticare noi stessi per un po’”, conclude Be.

REDAZIONE

FONTE  AGI

Relativo a